Alex Grassi - Coronavirus 19 Italy - come resistere alle fake news sul covid-19 e ripartire

Vai ai contenuti
20 Febbraio…

...ma probabilmente molto tempo prima, se già il Governo aveva emanato il 1 febbraio un decreto…
 
Da quel momento la vita di tutti noi italiani è cambiata; in poco più di un mese il nostro mondo, le nostre città, la nostra esistenza è radicalmente mutata.

 
Nessuno di noi avrebbe mai immaginato uno scenario simile, quasi tratto da un film apocalittico. Ci siamo ritrovati a combattere una guerra contro un nemico letale ma invisibile.

 
Come tutte le battaglie e le guerre, anche questa ha avuto un inizio e, senza dubbio, avrà una fine che tuttavia non sarà per nulla indolore. Lascerà tracce indelebili nelle nostre memorie e anche le nostre abitudini, quasi sicuramente, non saranno più le stesse.
 
Ci sarà un “prima” e un “dopo”: molti di noi avranno tra i propri cari una lapide su cui piangere, anzi nemmeno quella, solo una foto o un’urna.
 
 
Molte volte con gli amici, volendo evitare di rivangare un passato ormai trascorso e terminato, mi basta citare l’attore francese Jean Paul Belmondo, al quale una giornalista chiese se e come pensasse al suo passato. Lui impeccabile replicò: “Jamais, io guardo sempre avanti”.

 
Questa volta no. Questa volta non sarà possibile guardare avanti senza tenere saldo nella memoria l’incubo e la guerra che stiamo vivendo.
 
Dovremo ricordare per rendere omaggio a chi, purtroppo, non ce l’ha fatta e non verrà ricordato come un eroe; nessun funerale di Stato, in verità nessun funerale e basta.

 
Dovremo ricordare per ringraziarli ogni giorno i nostri medici ed infermieri che dedicano la propria vita per salvare quella altrui, senza chiedere nulla in cambio.

 
Dovremo ricordare bene tutte le vicende, per non farci abbindolare da politici e politicanti (oggi momentaneamente scomparsi dalle scene) che spunteranno come funghi soltanto per qualche commemorazione o ricordo d’occasione.

 
Soprattutto dovremo ricordare per trasmettere quanto più possibile ai nostri figli e ai nostri nipoti, affinché quello che è accaduto non avvenga più in futuro, magari con conseguenze ancora più devastanti.

 
Alex Grassi
Torna ai contenuti