Cooperanti & Covid - Coronavirus 19 Italy - come resistere alle fake news sul covid-19 e ripartire

Vai ai contenuti

COOPERANTI & COVID:
UNA TRAGEDIA NELLA TRAGEDIA

Povera Italia, non bastava il covid-19 a mettere a dura prova la nostra pazienza, la capacità di soffrire e resistere, la nostra intelligenza il nostro senso del dovere. No, doveva arrivare lei,  SILVIA ROMANO.
Rapita in Kenia nel 2018 e restituitaci ieri con 20 kg in più di peso, una fresca e motivata conversione all'islam e dopo aver fatto sborsare all'Italia un riscatto di quattro milioni di euro e dodici milioni complessivi di costi, secondo gli organi di stampa.



L'Africa è un continente che ben conosco e che ha veramente bisogno di soccorritori e di aiuti.
Ma chi sono veramente i soccorritori che possono arrecare un aiuto?
Sei un chirurgo in grado di amputare un arto o di sistemare una frattura?
Sei un ostetrico in grado di far partorire una gravidanza complicata?
Sei un tecnico in grado di scavare un pozzo?
Sei un infermiere in grado di insegnare le più elementari nozioni di igiene?

   

Se non sono tutto questo non sono soccorritori, sono solo delle persone che potenzialmente potrebbero creare problemi, individui a competenza zero che se ne vanno in giro per il mondo con il loro zainetto griffato, convinti che il mondo sia la naturale conclusione del post-Erasmus e con i cellulari pronti per un selfie con il bimbo africano di turno.



Oggi per una certa fazione politica la mediazione culturale è diventata una moda e il selfie con bambini africani fa curriculum.
Oggi però questa moda ci è costata quattro milioni di euro, e questi soldi finiranno probabilmente per alimentare il terrorismo internazionale che costerà la vita di cittadini innocenti.


Tralasciamo l'importanza che questi denari investiti nella lotta agli effetti dell'epidemia da covid-19 sarebbero stati meglio spesi… quante mascherine si potevano comprare?
Quanti aiuti alle famiglie senza un lavoro?  
Ma restiamo in Africa… siete a conoscenza che con quattro milioni di euro si possono "riscattare" quattromila bambini dalle miniere d'oro del Burkina Faso?



Negli anni '80 per combattere il fenomeno dei sequestri di persona si deliberò una crudele legge che impediva ai familiari di pagare il riscatto chiesto dai banditi, pena l‘accusa di concorso in sequestro di persona.



Oggi dovrebbe con urgenza venire riproposta una legge simile, che impedisca al popolo italiano di pagare riscatti in giro per il mondo, così che queste persone incoscienti, che con il loro modo di comportarsi creano soltanto un problema alla causa africana, sappiano che le loro vacanze studio non verranno più pagate da una Nazione che non può e non vuole finanziare il terrorismo e che ha la massima priorità nella ricostruzione della società del post-pandemia.
A. Moscatelli
Torna ai contenuti